×

T&P Magazine

Locazione – rinnovo tacito

Locazione – rinnovo tacito

A cura di Bonaventura Minutolo e Teresa Cofano

La rinnovazione tacita del contratto di locazione postula la continuazione della detenzione della cosa da parte del conduttore dopo la scadenza e la mancanza di una manifestazione di volontà contraria da parte del locatore, cosicché, qualora questi abbia manifestato con la disdetta la volontà di porre termine al rapporto, la rinnovazione non può desumersi dalla permanenza del locatario nell'immobile locato dopo la scadenza o dal fatto che il locatore abbia continuato a percepire il canone senza proporre tempestivamente azione di rilascio, occorrendo, invece, un comportamento positivo idoneo ad evidenziare una nuova volontà, contraria a quella precedentemente manifestata per la cessazione del rapporto.

Cass. 4 aprile 2017, sent. n. 8670

 

Iscriviti alla Newsletter

Twitter Feed