×

T&P Magazine

Patto di non concorrenza con l’agente: il corrispettivo può costituire una maggiorazione delle provvigioni

Patto di non concorrenza con l’agente: il corrispettivo può costituire una maggiorazione delle provvigioni

(Tribunale di Bolzano 30 gennaio 2018)

Causa seguita da Stefano Trifirò e Mariapaola Rovetta

Con la sentenza in commento, il Giudice del Lavoro di Bolzano ha rigettato la domanda con cui un agente, invocando la pretesa nullità della pattuizione individuale che disciplinava il patto di non concorrenza sottoscritto dalle parti, stante la sua asserita contrarietà alla miglior disciplina di cui all’art. 14 dell’Accordo Economico Collettivo del 2002 (AEC), chiedeva la condanna della Società preponente al pagamento dell’indennità quantificata secondo il suddetto AEC.

Anzitutto, la sentenza ha confermato l’orientamento della giurisprudenza secondo cui la disciplina dettata dall’AEC è pacificamente derogabile in melius, sia sotto il profilo del quantum, sia sotto il profilo delle modalità di erogazione del corrispettivo. Infatti, l’art. 1751 bis cod. civ. lascia alla contrattazione tra le parti la determinazione dell’indennità, pur nel rispetto dei parametri costituiti dalla durata del patto, della natura del contratto e dell’indennità di fine rapporto, rispetto ai quali dev’essere effettuata la valutazione di congruità del corrispettivo fissato per il patto di non concorrenza.

In secondo luogo, partendo da queste considerazioni, la sentenza ha ritenuto che il principio di legge secondo cui il corrispettivo del patto non può avere natura provvigionale non preclude che esso sia calcolato in una percentuale sulle provvigioni. La norma intende solamente specificare che, a ogni effetto, in primis fiscale, il corrispettivo del patto di non concorrenza non costituisce provvigione. Inoltre, anche la previsione normativa secondo cui il corrispettivo debba essere pagato al momento della cessazione del rapporto può essere derogata su accordo delle parti, prevedendo un pagamento dilazionato in costanza di rapporto.

Iscriviti alla Newsletter

Twitter Feed